Termosemplice

Termosemplice è un sistema informatizzato di raccolta dei dati per il controllo del rendimento termico e delle emissioni dalle caldaie e l’archiviazione dati ambientali ai sensi del DLgs 192/05 s.m.i.

Il sistema informatico Termosemplice consente, attraverso procedure automatizzate e rintracciabili, in sede di manutenzione e di verifica, la raccolta e la trasmissione telematica dei dati, ai sensi del DLgs 192/05 s.m.i., relativi al controllo del rendimento di combustione e delle emissioni dei fumi degli impianti termici ad un centro servizio. La trasmissione telematica dei dati rilevati sulla efficienza e le emissioni di inquinanti degli impianti termici, consente di:

  • ottimizzare le prestazioni ambientali ed energetiche degli impianti di riscaldamento;
  • disporre in tempo reale di un quadro informativo completo e affidabile delle caratteristiche emissive impiantistiche ed energetiche;
  • pianificare e implementare tutte le conseguenti strategie e le azioni correttive;
  • favorire la costituzione di un catasto unico regionale degli impianti termici.

scheda1

Punti di forza del sistema Termosemplice

Sono attualmente in commercio svariati software in materia di controllo degli impianti termici ai sensi del D.P.R. 412/93 e s.m.i. I software disponibili implementano funzionalità che possono essere così riassunte in modo sintetico:

  • implementazione su piattaforma web delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di controllo del rendimento degli impianti termici;
  • gestione centralizzata delle informazioni relative alle manutenzioni ed ai controlli sul rendimento termico e sulle emissioni dalle caldaie;
  • creazione e gestione del catasto degli impianti termici che permette di individuare con un codice univoco l’impianto e di raccogliere tutte le informazioni relative all’impianto stesso, ai controlli effettuati e ai parametri energetici-ambientali;
  • gestione dell’emissione e dell’acquisto dei “bollini verdi” per le verifiche delle caldaie da parte dei manutentori e del successivo trasferimento all’Ente competente dei contributi dovuti per il controllo;
  • archiviazione dei rapporti di controllo (modelli G e F);
  • gestione delle procedure burocratiche amministrative che regolano i rapporti tra il proprietario/responsabile dell’impianto, il manutentore, il verificatore e l’Ente di controllo (pianificazione e gestione dei controlli, fatturazione al cliente, pagamento dei contributi all’Ente controllore, realizzazione statistiche, gestione delle scadenze dei controlli periodici);
  • interfaccia utente (manutentori, verificatori, cittadini) per il trattamento e la visualizzazione dei dati contenuti nel catasto degli impianti termici e di eventuali altre utili informazioni per gli operatori del settore e per i cittadini.

Un punto debole di tutti gli applicativi disponibili e che, nonostante le procedure siano in prevalenza informatizzate, prevedono, ad un certo punto della procedura di controllo, l’intervento del manutentore per l’immissione manuale dei dati della verifica nel catasto gestito dall’Ente controllore. Ciò introduce la possibilità di errori nella fase di archiviazione dei dati e, nel peggiore dei casi, la manomissione degli stessi. La procedura semi-informatizzata, inoltre, costringe l’operatore a stampare il rapporto di prova e, dopo la sottoscrizione dello stesso insieme al responsabile dell’impianto, ad inviarlo all’Ente controllore per l’archiviazione e l’utilizzo in caso di contenzioso. Questa procedura, oltre ad essere farraginosa e ridondante, non è in linea con i nuovi processi di dematerializzazione delle procedure della P.A. in quanto continua a ricorrere all’utilizzo di supporti cartacei con l’inevitabile conseguente occupazione di spazi di archiviazione e problemi di smaltimento alla fine del tempo di validità legale del documento.

Dalle analisi fin qui effettuate è possibile affermare che il progetto Termosemplice introduce una importante innovazione all’interno delle procedure relative al controllo degli impianti termici ai sensi del D.P.R. 412/93 e s.m.i., in quanto, oltre a garantire l’espletamento delle procedure utilizzate dai sistemi esistenti, consente:

  • all’Ente controllore di raccogliere, in tempo reale, in un server centrale le misurazioni dei parametri ambientali forniti dagli strumenti di analisi dei fumi utilizzati dai manutentori durante i controlli manutentivi degli impianti termici. Tutto ciò avviene in modo automatico dallo strumento al data base centrale attraverso, un collegamento internet, senza che il dato possa essere alterato;
  • l’utilizzo del dato digitale contenuto nei rapporti di prova (modelli G ed F) senza che sia necessaria la stampa e la sottoscrizione, in quanto il sistema utilizza un sistema di firma digitale, tra i più sicuri in Italia, tanto è vero che è già utilizzato in alcune Regioni italiane per altre problematiche;
  • di archiviare tutti i dati dei controlli sul server centrale e, soprattutto, sulla Smart Card del proprietario, in modo che questa, possa essere usata per sostituire tutta la documentazione relativa all’impianto, assumendo le funzionalità di una vera e propria “carta di identità” dell’impianto stesso;
  • di promuovere comportamenti efficienti e virtuosi sia dei manutentori direttamente coinvolti nelle attività di controllo che dei cittadini;
  • di implementare ulteriori politiche ambientali che permetteranno l’introduzione di tecnologie meno inquinanti (pompe di calore, metano, teleriscaldamento e pannelli fotovoltaici), stimolando la collaborazione con le aziende e le società di distribuzione dei vettori energetici.